martedì 16 novembre 2010

2 Io no... Io VRRROOOMMM!!!


Ok. Basta ridere! Questa è la mia attuale autovettura (l'ho solamente scelta in una colorazione un po' più sobria...). Citycar tranquilla, cambio automatico, linea smaccatamente retrò... Un'auto da vecchi, insomma. Può anche darsi ma: 1) "De gustibus non est disputandum". 2) Sono vecchio dentro ma quando sbloggo in questa sede ringiovanisco e mi imbellisco non poco. 3) In vita mia ho guidato auto che voi umani non potete neanche immaginarvi...

Macchine tipo questa, tanto per gradire...

Lotus Esprit.

Nel 1990, infatti, la conducevo con allegria in "Lotus Esprit Turbo Challenge", videogioco sviluppato dai "Magnetics Fields" e pubblicato da "Gremlin Graphics". Addirittura, gareggiavamo in due simultaneamente; con le autovetture che sfrecciavano veloci e rampanti su strade parallele e sovrapposte (?).

Chiamasi "Split Screen", ma non ditelo a nessuno...

Poi, qualche anno più tardi, sempre i "Magnetics Fields" mi proposero di provare a guidare una "Lotus Elan" tipo questa qua...

Una bella cabriolet!

Sfrecciare col vento tra i capelli era una sensazione impagabile!

Lotus Turbo challenge 2.

Qualche tempo dopo ho guidato questa macchinuzza da miseri, alla facciazza vostra...

Jaguar XJ 220.

Correva l'anno 1993, e "Core Design" mi affidò il suo bolide da testare su asfalto, neve e sterrato. Emozioni uniche ed irripetibili!

Jaguar XJ 220 - Videogame. (Dovesse sfuggirvi, meglio precisare... ;) ).

Andando ancora più in dietro con la memoria, ricordo distintamente di aver calcato l'accelleratore di una fiammante Ferrari "Testarossa", solo che questa autovettura non era propriamente mia come tutte le altre...

Bella, eh? ;)

...Me la affittavano quotidianamente al modico prezzo di 200 £ire per sessione di guida (indipendentemente dal tragitto percorso). Le condizioni erano decisamente vantaggiose anche perchè non dovevo spendere nient'altro per tutelarmi in caso di incidenti o danni al veicolo (che era tipo indistruttibile o qualcosa del genere...) e compresa nel prezzo era inclusa pure una "escort ante litteram" bionda e bonazza che mi accompagnava standosene placidamente seduta sul sedile del passeggero con la chioma svolazzante (la bonazza, non il sedile!!!)...

Io e la figona di "Out Run"!

Invidiosi, eh? Non avete tutti i torti. Modestamente, quando una persona ha un garage così ben fornito ed ha guidato con nonchalance le più performanti supercar della storia dell'umanità, può tranquillamente deambulare per la sua città con un'autovettura fuoriuscita dai capannoni della "General Motors" di Paperopoli, no???

Ecco, appunto... :D


2 commenti:

WEdza ha detto...

non è la macchina, è il cambio automatico che è il MALE

Marte ha detto...

Mhhh... Hai mai provato il cambio automatico oppure parli per sentito dire? ;)

Perchè io, avendoli provati entrambi, ti dico: "Mai più senza!".

Ritorna in alto! Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...